Nomina del nuovo Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi

Press Office

Rinunce e Nomine, 07.04.2018

 

Rinuncia del Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi e Nomina del nuovo Presidente

 

Il Santo Padre Francesco ha accolto la rinunzia, presentata per raggiunti limiti di età dall’Em.mo Card. Francesco Coccopalmerio, all'incarico di Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi ed ha chiamato a succedergli nel medesimo incarico S.E. Mons. Filippo Iannone, O. Carm., Arcivescovo-Vescovo emerito di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo, finora Segretario Aggiunto dello stesso Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi.

 

* * *

S.E. Mons. Iannone2

S.E.R. MONS. FILIPPO IANNONE, O.CARM.

Nato a Napoli il 13 dicembre 1957, Mons. Iannone è entrato nell’Ordine dei Carmelitani il 1° agosto 1976, dopo la licenza liceale.  Ha compiuto gli studi teologici presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, conseguendo il Baccalaureato in Teologia e poi alla Pontificia Università Lateranense di Roma, ottenendo il Dottorato in utroque iure.

Presso il Tribunale della Sacra Romana Rota ha ottenuto il diploma di Avvocato Rotale. Nel frattempo ha frequentato i corsi di specializzazione presso alcuni Dicasteri della Santa Sede. Dopo aver emesso la prima professione come Carmelitano il 1° ottobre 1977 e quella solenne il 15 ottobre 1980, è stato ordinato sacerdote il 26 giugno 1982. Ha ricoperto vari incarichi nell’Ordine Carmelitano e nell’Arcidiocesi di Napoli. Dal 1987 al 1990 è stato Difensore del Vincolo del Tribunale Regionale Campano e dal 1990 al 1994 è stato Vicario Giudiziale Aggiunto del Tribunale diocesano di Napoli. Già docente di Diritto Canonico, in qualità di Professore Associato, nella Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, ha insegnato come professore inviato presso alcuni Istituti superiori di Scienze Religiose e presso la Scuola di Specializzazione in Diritto Ecclesiastico e Canonico della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Federico II di Napoli.

Il 12 aprile 2001 è stato nominato Vescovo Ausiliare di Napoli, assumendo la sede titolare di Nebbi, per volontà di Papa Giovanni Paolo II. Ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 26 maggio 2001, distinguendosi all’epoca per essere il più giovane vescovo d’Italia. Nella struttura organizzativa dell’Arcidiocesi di Napoli, guidata dal Cardinale Crescenzio Sepe, è stato nominato Vicario Generale, Coordinatore dei Vicari Episcopali e Moderatore della Curia con delega al settore giuridico-amministrativo. 

Il 19 giugno 2009, Mons. Iannone è stato nominato Vescovo di Sora-Aquino-Pontecorvo dal Papa Benedetto XVI e poi, come giurista, è diventato membro del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, Consultore della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata, membro del Consiglio per gli Affari Giuridici della CEI, Presidente del Comitato per l’Edilizia di Culto e membro della Conferenza Episcopale Laziale. 

Il 31 gennaio 2012, è conferito l’incarico di Vicegerente della Diocesi di Roma, sempre dal Papa Benedetto XVI, succedendo all’Arcivescovo Luigi Moretti.

Da 11 novembre 2017, lascia questo servizio pastorale per assumere il ruolo di Segretario Aggiunto del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi.

Il 7 aprile 2018, è stato nominato dal Santo Padre Francesco Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi.

 

* * *